Liceo Scientifico "Galileo Galilei"

Viale Bolognini, 88 - 38122 Trento

Font Size

Profile

Cpanel


Indicazioni per l'esame di stato

•    FINALITA’
L’esame di Stato “è finalizzato all’accertamento delle conoscenze e dalla competenze acquisite nell’ultimo anno del corso di studi in relazione agli obiettivi generali e specifici propri di ciascun indirizzo e delle basi culturali generali, nonché delle  capacità critiche del candidato”.

•    DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE
I consigli di classe dell'ultimo anno di corso elaborano entro il 15 maggio per la commissione d'esame, un apposito documento relativo all'azione educativa e didattica realizzata nell'ultimo anno di corso.
Tale documento del consiglio di classe indica i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti, nonché ogni altro elemento che i consigli di classe ritengano utile e significativo ai fini dello svolgimento degli esami, con specifico riferimento alla terza prova e al colloquio. Il documento terrà conto, inoltre, delle modalità con le quali l’insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera è stato attivato con metodologia CLIL.

•    AMMISSIONI ALL’ESAME
Sono ammessi all’esame di stato gli studenti che abbiano ottenuto una valutazione almeno complessivamente sufficiente da parte del consiglio di classe e devono aver frequentato non meno dei tre quarti dell’orario annuale d’insegnamento previsto dai piani di studio dell’istituzione scolastica (regolamento valutazione periodica e annuale degli apprendimenti - DPP n.22 del 7/10/2010). Possono pertanto essere ammessi all'esame di stato anche gli studenti che, pur non avendo ottenuto la valutazione di almeno 6/10 in tutte le discipline, in un'ottica di valutazione qualitativa complessiva, il consiglio di classe ritiene abbiano raggiunto gli obiettivi formativi dello specifico indirizzo di studio.
La valutazione della capacità relazionale è uno degli elementi di cui tener conto nell'ottica della valutazione complessiva; se negativa non pregiudica da sola l'ammissione all'esame di stato (art.6 DPP n.22)

•    CREDITO SCOLASTICO
Agli studenti viene attribuito, in base alla media voti ottenuta allo scrutinio finale, tenuto conto anche della capacità relazionale, un credito scolastico definito dalla tabella A allegata al DM n.99/2009. La tabella indica la banda di oscillazione del credito al termine rispettivamente del terzo, quarto e quinto anno.
I punti della banda di oscillazione del quinto anno sono riferiti alla media dei voti del corso annuale per l’esame di stato.

credito

Per tutte le fasce l'attribuzione del punteggio più alto entro la banda di oscillazione determinata dalla media dei voti (Delibera C.D. 8-3-2012), sarà assegnato in presenza di una delle due condizioni:
1.    una media dei voti più vicina all'estremo superiore della fascia;
2.    la presenza di almeno uno dei seguenti elementi positivi:

  • l'assiduità della frequenza scolastica,
  • interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo, tenendo conto anche di quelli relativi all’insegnamento della religione cattolica o dell’attività didattica alternativa, ove presente;
  • attività complementari ed integrative;
  • eventuali crediti formativi, che comunque non possono comportare il cambiamento della banda di oscillazione corrispondente alla media M dei voti.

Allo studente complessivamente sufficiente e con media voti di poco inferiore al sei
•    viene attribuito comunque il minimo del credito scolastico previsto per la media 6 (4 punti), se la  valutazione della capacità relazionale è almeno sufficiente
•    lo studente può essere ammesso all'esame di stato, ma senza assegnazione di credito per il quinto anno, se la valutazione della capacità relazionale è negativa.
In tutti gli altri casi in cui lo studente riporti una media voti pari o superiore a sei decimi, anche in presenza di eventuali valutazioni non sufficienti nelle singole discipline e/o nella capacità relazionale, gli va attribuito un credito scolastico secondo la tabella di cui sopra.

•    COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE
La Commissione giudicatrice è costituita da sei docenti, di cui tre interni e tre esterni, ai quali si aggiunge un Presidente, anch’esso esterno.
Per ogni singola classe si costituisce una Commissione, che lavora autonomamente.
I membri esterni e il Presidente sono comuni a due Commissioni. I membri interni, viceversa, sono i docenti della singola classe che insegnano le materie che il Consiglio di classe ha individuato come migliore completamento di quelle previste dal Ministero. Le Commissioni sono state abbinate secondo criteri di omogeneità o affinità culturali e pedagogiche e tenendo conto della presenza di alcuni membri interni in più di una Commissione. Ne è risultato il seguente quadro di accoppiamenti:


•    UTILIZZO DI CELLULARI E APPARECCHIATURE ELETTRONICHE NEI GIORNI DELLE PROVE SCRITTE
Il Dirigente scolastico, con la presente, avverte formalmente i candidati:
- che è assolutamente vietato, nei giorni delle prove scritte, utilizzare a scuola telefoni cellulari, smartphone di qualsiasi tipo, dispositivi di qualsiasi natura e tipologia in grado di consultare file, di inviare fotografie ed immagini, nonché apparecchiature a luce infrarossa o ultravioletta di ogni genere;
- che è vietato l’uso di apparecchiature elettroniche portatili di tipo palmare o personal computer portatili di qualsiasi genere in grado di collegarsi all’esterno degli edifici scolastici tramite connessioni wireless, comunemente diffusi nelle scuole, o alla normale rete telefonica con qualsiasi protocollo;
- che nei confronti di coloro che violassero tali disposizioni è prevista, secondo le norme vigenti in materia di pubblici esami, la esclusione da tutte le prove di esame.


•    PROVE SCRITTE
E’ necessario presentarsi a scuola alle ore 8.00 muniti di documento d’identità.
Le prime due prove scritte sono predisposte dal Ministero.
Ai fini dello svolgimento della seconda prova scritta nei licei scientifici è consentito l’uso di calcolatrici scientifiche e/o grafiche, purché non siano dotate di capacità di calcolo simbolico (CAS – Computer Algebraic System). È inoltre vietato l’uso di calcolatrici provviste di qualsiasi tipo di connessione in modalità wireless, o che richiedano la connessione alla rete elettrica. Per consentire alla commissione d’esame il controllo dei dispositivi in uso, i candidati che intendono avvalersi della calcolatrice devono consegnarla alla commissione in occasione dello svolgimento della prima prova scritta.
Le commissioni definiscono la data di inizio dei colloqui per ciascuna classe/commissione e, in base a sorteggio, l’ordine di precedenza tra le due classi/commissioni e, all’interno di ciascuna di esse, quello di precedenza tra  candidati esterni ed interni, nonché quello di convocazione dei candidati medesimi secondo la lettera alfabetica. Ẻ altresì determinata la data di pubblicazione dei risultati, che deve essere unica per le due classi/commissioni. Al fine di evitare sovrapposizioni e interferenze, i presidenti delle commissioni che abbiano in comune uno o più commissari interni concordano le date di inizio dei colloqui senza procedere a sorteggio della classe.


•     COLLOQUIO
Gli argomenti possono essere introdotti mediante la proposta di un testo, di un documento, di un progetto o di altra questione di cui il candidato individua le componenti culturali, approfondendole. Ẻ d’obbligo, inoltre, provvedere alla discussione degli elaborati relativi alle prove scritte.
Si precisa che i commissari sia interni che esterni, allo scopo di favorire il coinvolgimento nel colloquio del maggior numero possibile delle discipline comprese nel piano degli studi dell’ultimo anno di corso, conducono l’esame in tutte le materie per le quali hanno titolo secondo la normativa vigente.
Per quanto concerne l’accertamento della conoscenza della disciplina non linguistica (DNL) veicolata in lingua straniera, il cui insegnamento sia stato effettuato con la metodologia CLIL, il colloquio potrà accertare anche in lingua straniera le competenze disciplinari acquisite, qualora il relativo docente venga a far parte della Commissione di esame in qualità di membro interno.


•    PUNTEGGIO FINALE, LODE
Gli studenti hanno avuto la possibilità di accumulare nel triennio fino ad un massimo di 40 punti di credito. Gli altri 60 punti sono assegnati dalle prove d’esame.
E’ previsto inoltre un bonus integrativo (fino a 5 punti) che potrà essere riconosciuto dalla Commissione a studenti che abbiano conseguito esiti particolarmente significativi nel curricolo e nelle prove (pre-condizione minima almeno 15 punti di credito e almeno 70 punti nelle prove d’esame).
Il punteggio finale sarà quindi costituito dalla somma dei seguenti elementi: il credito scolastico con cui lo studente si presenta all’esame, la valutazione delle tre prove scritte, il voto della prova orale, l’eventuale bonus (quando attribuito). Per superare l’esame di stato è sufficiente un punteggio minimo complessivo di 60/100.
E’ possibile l’attribuzione (all’unanimità) della lode ai candidati che, abbiano conseguito il credito scolastico massimo complessivo attribuibile senza fruire
a) della integrazione di cui all’articolo 11, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 23 luglio 1998, n. 323;
b) abbiano riportato negli scrutini finali relativi alle classi terzultima, penultima e ultima solo voti uguali o superiori a otto decimi, ivi compresa la valutazione del comportamento.
c) abbiano conseguito il credito scolastico annuale massimo relativo al terzultimo, al penultimo e all’ultimo anno con voto unanime del consiglio di classe.
d) abbiano conseguito il punteggio massimo previsto per ogni prova d’esame con voto unanime della commissione d’esame.

Sei qui: Home Docenti-Studenti-Genitori Studenti Esame di stato Indicazioni per l'esame di stato