Bacheca Sindacale On Line    Sicurezza    Privacy    Pubblicità Legale    Amministrazione Trasparente    Lavora con la scuola

Il cinema della Shoah

memoriaTre giorni di film e riflessioni in occasione del Giorno della Memoria

Il Giorno della Memoria è stato istituito nel 2001 per ricordare l’anniversario dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, della fine della Shoah e delle leggi razziali e nel ricordo dei cittadini ebrei e italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché di coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
Ma come tenere vivo il ricordo dell’Olocausto anche tra chi è ormai lontano, per età e per formazione, da quell’orrore? Un ciclo di tre film documenta le nuove strade percorse dalla settima arte per raccontare i campi di concentramento in rapporto al presente, prendendo a prestito linguaggi e stilemi dal noir, dal grottesco, dalla letteratura per l’infanzia, dalla tragicommedia sentimentale.


PROGRAMMA


27 GENNAIO 2014, ore 21.00, Multisala Astra, Corso Buonarroti, Trento

NUMBERED  -  film-documentario di Uriel Sinai, Israele, 2012, 55’.

Si stima che circa 400.000 persone siano state tatuate ad Auschwitz; oggi i sopravvissuti sono solo poche migliaia. Protagonista del film diventa il numero stesso e la sua evoluzione come simbolo personale e collettivo dal 1940 ad oggi. Quelle cicatrici, che dovevano distruggere le identità, si trasformano in testimonianze illuminanti, personali e piene di vita. Che significano quei numeri impressi sulle braccia per le persone che li portano? Per i loro familiari? Per i più giovani che,sempre più numerosi, scelgono di farsi tatuare quelle cifre sulla pelle?


28 GENNAIO 2014, ore 21.00, Multisala Astra, Corso Buonarroti, Trento

TRAIN DE VIE  -  film di Radu Mihaileanu, Francia, Belgio, Romania, Israele, Paesi Bassi, 1998, 103’

Una sera del 1941, Schlomo, il folle, fa ritorno al proprio villaggio ebraico dell'Europa dell'Est, con la notizia dell'imminente arrivo dei tedeschi. Il Consiglio dei Saggi si riunisce e decide di organizzare un falso treno di deportati per sfuggire ai nazisti. La comunità prepara la partenza in gran segreto per la Terra Promessa.


29 GENNAIO 2014, ore 21.00, Multisala Astra, Corso Buonarroti, Trento

LA CHIAVE DI SARA  -  Film di Gilles Paquet-Brenner, Francia, 2010, 111’

Julia Jarmond è una giornalista americana, moglie di un architetto francese e madre di una figlia adolescente. Indagando sul rastrellamento di tredicimila ebrei, arrestati e poi concentrati dalla polizia francese nel Vélodrome d'Hiver nel luglio del 1942, 'incrocia' Sara e apprende la sua storia, quella di una bambina di pochi anni che sopravviverà alla sua famiglia e agli orrori della guerra.